foruminternazional.forumattivo.it
[poesia] Primo Levi: Shemà  "Ascolta" dal libro Se Questo É Un Uomo (La Memoria) (1947) 001_ac10[poesia] Primo Levi: Shemà  "Ascolta" dal libro Se Questo É Un Uomo (La Memoria) (1947) Lrbzyw10

foruminternazional.forumattivo.it
[poesia] Primo Levi: Shemà  "Ascolta" dal libro Se Questo É Un Uomo (La Memoria) (1947) 001_ac10[poesia] Primo Levi: Shemà  "Ascolta" dal libro Se Questo É Un Uomo (La Memoria) (1947) Lrbzyw10


[poesia] Primo Levi: Shemà "Ascolta" dal libro Se Questo É Un Uomo (La Memoria) (1947)

Visualizza l'argomento precedente Visualizza l'argomento successivo Andare in basso

Poesie [poesia] Primo Levi: Shemà "Ascolta" dal libro Se Questo É Un Uomo (La Memoria) (1947)

Messaggio  vayiolet.ta Gio 2 Feb 2017 - 1:05



[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]


La poesia Shemà di Primo Levi è un breve testo in versi liberi che apre Se questo è un uomo (pubblicato per la prima volta dall’editore De Silva nel 1947), opera in cui viene descritto l’internamento e la prigionia nel campo di Monowitz e di Auschwitz dal febbraio 1944 al gennaio 1945. Il testo compare poi nella raccolta di poesia Ad ora incerta 1, edita nel 1984.
Shemà è una parola ebraica (שמע) che significa “ascolta”; essa compare nell’espressione Shemà Israel (שמע ישראל, “Ascolta, Israele”) in una fondamentale preghiera della liturgia, recitata durante le orazioni del mattino e della sera 2. Levi utilizza questa espressione in apertura del suo romanzo per rivolgere un forte appello al suo lettore, affinché egli presti attenzione a ciò che sta per leggere e fissi nella memoria la testimonianza agghiacciante della Shoah.
La poesia riporta la data del 10 gennaio 1946, poco più di un anno dopo la liberazione del campo di sterminio di Auschwitz del 27 gennaio 1945
.


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Testo di Shemà  "Ascolta"


Voi che vivete sicuri

Nelle vostre tiepide case,

voi che trovate tornando a sera

Il cibo caldo e visi amici:

Considerate se questo è un uomo

Che lavora nel fango

Che non conosce pace

Che lotta per mezzo pane

Che muore per un sì o per un no.

Considerate se questa è una donna,

Senza capelli e senza nome

Senza più forza di ricordare

Vuoti gli occhi e freddo il grembo

Come una rana d'inverno.

Meditate che questo è stato:

Vi comando queste parole.

Scolpitele nel vostro cuore

Stando in casa andando per via,

Coricandovi alzandovi;

Ripetetele ai vostri figli.

O vi si sfaccia la casa,

La malattia vi impedisca,

I vostri nati torcano il viso da voi.




[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]



Ringrazia il RELEASER per l'impegno ed il lavoro svolto cliccando l'emoticon  a fianco dell'avatar ► [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

UN CLICK NON COSTA NULLA CHE CE VÒ!!


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

vayiolet.ta
vayiolet.ta
Founder Admin
Founder Admin

Punti Punti : 6273

Torna in alto Andare in basso

Visualizza l'argomento precedente Visualizza l'argomento successivo Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Puoi rispondere agli argomenti in questo forum.